brevetto degasaggio olio diatermico oil service

Con grande orgoglio da Agosto 2019 il Degasaggio Olio Diatermico di Oil Service è diventato un Brevetto Industriale protetto in tutta Europa. L’Ufficio Marchi e Brevetti Italiano ha infatti appena rilasciato il Certificato di Concessione Brevetto per l’Invenzione Industriale dal titolo:

PROCEDIMENTO PER LA DEGASIFICAZIONE DI OLIO DIATERMICO ED APPARECCHIATURA CHE ATTUA TALE PROCEDIMENTO

degasaggio-olio-diatermico-brevetto-oil-service-1

Come l’anidride carbonica nello spumante, le bollicine di gas pervadono l’olio diatermico. Ma a differenza nostra un impianto non ama le bollicine 😉

Come ho sempre detto a clienti e sul blog, prendo molto seriamente la mia missione di portare qualità e innovazione nel settore dell’olio diatermico: quello che non potevo dire è che da ben 2 anni avevo anche depositato la domanda di brevetto e che finalmente la risposta è stata positiva!
Adesso che ti ho dato la notizia procediamo in ordine.

Degasificazione Olio Diatermico – Cosa è?

La degasificazione (anche chiamata degasaggio) dell’Olio Diatermico è il procedimento con cui si rimuovono le frazioni leggere (gas) disciolte nell’olio diatermico. Escludendo bolle d’aria dovute a cavitazione delle pompe, le frazioni leggere si formano nell’olio diatermico a causa degli shock termici che a volte l’olio subisce.

Un improvviso innalzamento della temperatura rende fragile e a volte rompe la molecola dell’olio diatermico, che si spacca in frazioni leggere (gas) e/o frazioni pesanti (morchie).

ATTENZIONE: l’olio diatermico va scelto con cura a partire dai suoi parametri principali, fra i quali in questo caso tengo a ricordare il range termico di funzionamento, il punto di fiamma e il fire point. Dalla curva di distillazione, e dalla natura stessa dell’olio diatermico (minerale, sintetico, rigenerato) dipende anche la robustezza agli sbalzi di temperatura. Per una trattazione più approfondita leggi l’articolo su come scegliere l’olio diatermico.

degasaggio-olio-diatermico-brevetto-oil-service

Le vecchie tecniche di degasificazione

Le vecchie tecniche di degassificazione prevedono una procedura molto delicata e che mette potenzialmente a rischio l’impianto e chi ci lavora, ma purtroppo sono ancora molto in voga tra le aziende del settore (ma non Oil Service!). Il vecchio degasaggio prevede una distillazione ad alta temperatura. Tuttavia in questa operazione basta un piccolo errore o un cedimento a generare una tragedia.

Ho sempre avuto paura di questa procedura e ho studiato un sistema di degasificazione a bassa temperatura. Ho studiato con i miei ingegneri, testato la procedura e quando è stata affinata ho depositato domanda di brevetto.

RICHIEDI UN PREVENTIVO SENZA IMPEGNO

 

degasificazione-olio-diatermico-brevetto-oil-service

Procedimento di degasificazione / degasaggio olio diatermico brevettato

Il degasaggio olio diatermico a bassa temperatura che ho brevettato è una procedura piuttosto complessa, che prevede un innalzamento controllato e limitato della temperatura, effettuato in opportune condizioni fisiche, così da generare senza rischi le famose frazioni leggere che vogliamo aspirare via. Nel macchinario in cui avviene questa operazione l’olio diatermico viene anche opportunamente filtrato, così da poter essere reimmesso in ottime condizioni all’interno dell’impianto.

La procedura dettagliata è piuttosto lunga e complessa da spiegare (ci sono 30 pagine di brevetto del resto) ma risulta essere, come avrai avuto modo di capire da questa semplice spiegazione, una procedura estremamente gentile nei confronti dell’olio, così da evitare inutili rischi per l’impianto e salvaguardare il più possibile la molecola dell’olio.

Come ben saprai se hai letto il blog di Oil Service, se tratti bene l’olio diatermico puoi tenere il carico di olio in circolo per molti più anni senza doverlo sostituire.
E quando si parla di 10, 20 o anche 40 mila litri di olio diatermico, un paio d’anni di vita in più sono un ENORME risparmio per l’impresa.

RICHIEDI UN PREVENTIVO SENZA IMPEGNO